Armani annuncia una rivoluzione nel mondo della moda

Giorgio Armani, le ultime dichiarazioni. Giorgio Armani, un’istituzione nel campo della moda, ha le idee chiare sul futuro dell’azienda: rinnovamento. La rivoluzione dovrà avvenire entro due tre anni e coinvolgerà anche la maniera di approcciarsi al cliente finale ed i negozi, visto che “la gente ha più scelta anche a livello di spesa”. Queste esternazioni di Armani sono avvenute in occasione della presentazione della collezione Emporio Armani alla Milano Moda Uomo 2017.

Il bilancio dell’attività dell’anno appena trascorso non ha soddisfatto lo stilista: “Il 2016 è stato un anno complicato, presto arriveranno i dati ufficiali ma posso già dire che abbiamo chiuso con un fatturato di -5%”. “Il 2017 sarà ancora duro, tutto deve cambiare”, ha aggiunto, “il sistema dei vecchi negozi mausoleo non regge più. I giovani fanno acquisti con nuove situazioni. Penso che mantenere le posizioni sia già un buon successo”.

Emporio Armani alla Milano Moda Uomo 2017.

Giorgio Armani ha descritto i tratti fondamentali della collezione Emporio Armani autunno-inverno 2017-2018, sottolineando le scelte stilistiche che la caratterizzano: pantaloni di taglio decisamente classico, giacche leggermente più corte, con doppiopetto con otto bottoni, “chiuse anche con uno zaino che copre davanti e dietro, piatto e anche rivestito di pelliccia”.

Armani vestirebbe Melania Trump. 

In una fase in cui in molti fanno a gara per dissociarsi dal nuovo presidente americano Donald Trump, Giorgio Armani procede controcorrente. Come riportato dall’Ansa, accetterebbe di vestire la first lady. “Melania Trump è una bella donna, io faccio vestiti e cerco di vestire bene le donne. Se mi chiedesse di farle un abito non avrei problemi”, ha risposto al termine della sfilata di Emporio Armani alla Milano Moda Uomo 2017.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONDIVIDI