Valentino Haute Couture 2017 porta a Parigi il mito greco

Valentino Haute Couture primavera estate 2017. La collezione di alta moda che Valentino ha presentato a Parigi è stata curata dallo stilista Pierpaolo Piccioli, il quale ha portato nei capi proposti un’idea che parte dal sogno, sfrondato di tutto ciò che non è necessario. La parola d’ordine della collezione Haute Couture primavera estate 2017 è semplicità senza fronzoli. E’ lo stesso Piccioli ha raccontare i dettagli della creazione degli abiti che hanno sfilato a Parigi: “Nella couture non esiste il tempo, come succede nei sogni. È un territorio particolare, incantato, con le sue leggi e i suoi riti. Ho celebrato proprio questi ultimi: il fatto, per esempio, di coprire ogni abito in lavorazione, alla sera, con la velina bianca, come fosse qualcosa di vivente, da curare con affetto. Quell’idea di veli che coprono gli abiti si ritrova in passerella. Il tulle regala a ogni look un senso di umanità, di cura, di affetto. È vero cela i ricami, l’artificio dell’atelier. Ma a mio parere gli restituisce una profondità eccezionale”.

Valentino Haute Couture 2017, gli abiti.

I modelli che hanno sfilato in passerella portano i nomi di personaggi della mitologia greca come Artemide, Apollo, Armonia, Iride o Demetra ed il nome mantiene le promesse, in quanto lo stile di fondo è quello semplice e leggero degli abiti del mondo classico. Colori tenui, tranne qualche guizzo, come quello dell’abito nell’immagine ed alcune proposte nel più tradizionale rosso “Valentino”. Gli abiti proposti sono perlopiù tuniche lunghe e leggere, impreziosite da pailettes e cristalli, accompagnate da sandali bassi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONDIVIDI